Valerio Mezzasalma

Il mio porto

Ma presto il vento prende a soffiare
veloce, veloce vola la nave
e scivolando leggera sul mare
un suono le orecchie mi prende soave.

Dolce e leggera spira la brezza
e come un sogno rivedo il mio paese
una soffice mano mi accarezza
e lontano sento una canzone gelese.

Nel porto giungiamo alla deriva
ed io confuso mi chiedo che fare
non sapendo che il cuore giÓ dormiva.

E sopra l'acqua il chiarore lunare
risplende intenso immerso nel silenzio
mentre il segnavento guarda il mare.